E-Books: LE VENE VIOLATE: DIALOGO CON L'UROLOGO SICILIANO UCCISO NON SOLO DALLA MAFIA ~ La danza classica tra arte e scienza. Nuova ediz. Con espansione online

LE VENE VIOLATE: DIALOGO CON L'UROLOGO SICILIANO UCCISO NON SOLO DALLA MAFIA ~ La danza classica tra arte e scienza. Nuova ediz. Con espansione online PDF Books

Title: LE VENE VIOLATE: DIALOGO CON L'UROLOGO SICILIANO UCCISO NON SOLO DALLA MAFIA ~ La danza classica tra arte e scienza. Nuova ediz. Con espansione online.pdf
File size: 41 MB | Accessed: 4357

LE VENE VIOLATE: DIALOGO CON L'UROLOGO SICILIANO UCCISO NON SOLO DALLA MAFIA ~ La danza classica tra arte e scienza. Nuova ediz. Con espansione online PDF Il declino del sentire umanodi Sonia Alfano**Questo libro si prefigge l'obiettivo di presentare la vittima innocente di una terribile storia di mafia e massoneria da un punto di vista completamente diverso dal solito. Non è la classica ricostruzione del caso giudiziario ma un'introspezione psicologica senza precedenti. In genere quando si parla di una vittima di mafia si racconta il 'post mortem': le indagini, le fasi processuali. In questo caso in¬vece ci si sofferma sulle varie fasi della sua vita, in un turbinio di dettagli che potrebbero sembrare insignificanti e invece segnano una traccia nell'animo del lettore.Attraverso il ricordo delle persone che sono state vicine ad Attilio Manca si costruisce il profilo psicologico della giovane vittima e si entra, pur sempre in punta di piedi, nella sfera del sentimento, lasciando trasparire tutta la sensibilità del giovane dottore, invitato a più riprese a non piangere. Dopo aver letto questi passaggi, questi flashback, si ha come la sensazione di aver conosciuto il protagonista della storia, anche se magari non lo si è mai visto. Alla fine della lettura ci si sente come dopo un viaggio dal quale si è molto imparato. Uno di quei viaggi che 'ti cambia qualcosa'. L'autore è stato molto abile nel trasformare in parole quelli che erano gesti, sguardi, emozioni. Altrettanto abile è stato nell'affrontare lucidamente, come del resto nel suo precedente lavoro 'Il Tiranno e l'Ignoranza', la perversione dell'attuale baratro sociale. E' riuscito, con la sua straordinaria sensibilità intellettuale, a disegnare il mondo attraverso le parole, descrivendo perfettamente il declino del sentire umano con tutte le sue variabili: l'omertà, l'indifferenza, l'apatia. Tutte protagoniste della agghiacciante storia di Attilio Manca. All'afflizione e amarezza di chi ha perso Attilio nel modo più brutale (e senza avere mai avuto giustizia) si contrappongono il tanfo e l'arretratezza culturale di chi 'sa e non parla' e di chi ha abbandonato una famiglia in preda ad un devastante dolore per godere di amicizie maggiormente fruttuose.Luciano Armeli, da ottimo indagatore dell'animo umano, è riuscito a studiare le reazioni di tutti coloro che sono intervenuti nella narrazione, ma a mio avviso è riuscito anche e soprattutto a prevedere l'effetto di quest'esperimento letterario sul lettore. Il libro riesce a tradurre la naturale rabbia per quanto accaduto al dottor Attilio Manca, vittima di quel letale sistema masso-mafioso che controlla la giustizia messinese, in un sentimento di condivisione del suo stesso dolore e di quello della sua famiglia, lasciando comunque spazio alla fantasia e trasmettendo emozioni molto forti.Durante la narrazione si alternano momenti puramente commoventi ad altri che possono infondere nel lettore profonda rabbia e voglia di reagire alla cloroformizzazione della società attuale e in particolar modo a quella barcellonese-messinese, colpita da un coma indotto dai protagonisti del cosiddetto 'rito peloritano'.Sonia Alfanoottobre 2010** Presidente dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia.